Psicoanalisi Rubrica Psicoanalisi

Pubblicato il 11 luglio 2004 | di

0

Frigidità e pulsione d’impossessamento

-- Condividi "Psicoanalisi e Scienza" sui tuoi social --

Go to the English version!Voyez la version française!

La pulsione d’impossessamento è una delle nozioni meno definite in psicoanalisi. Come possiamo leggere sul Laplanche-Pontalis essa è un “termine utilizzato occasionalmente da Freud senza che il suo uso possa essere codificato con precisione”. 1

Freud in vari scritti (Tre saggi sulla teoria della sessualità, 1905 – La disposizione alla nevrosi ossessiva, 1913 – Pulsioni e loro destino, 1915) sembra intendere con questo termine una pulsione non sessuale, che solo secondariamente si unisce alla sessualità e che ha come fine ultimo il dominio dell’oggetto con la forza.
Per averne un’idea possiamo rifarci a quei giochi, così frequenti nell’infanzia, in cui il bambino domina con la forza piccoli animali (formiche, vermi, lucertole, gattini, farfalle, etc.) impedendone il movimento e soggiogandoli al proprio volere.
Il bambino gode del controllo totale sull’oggetto, ridotto a pura cosa, alla mercé della sua volontà.
Questa pulsione specifica può prendere varie direzioni: legarsi con la sessualità colorandone le sue attività (sadismo), andare incontro a processi di sublimazione (sport di combattimento), indebolirsi fino a lasciarne solo le vestigia, oppure fissarsi in modo netto ed improntare la sessuo-aggressività e la struttura caratteriale della persona.

Ritengo che in questo ultimo caso, nel sesso femminile, quando il piacere del dominio dell’oggetto diventi esclusivo, tale situazione giochi un ruolo determinante, ancora poco esplorato, nella frigidità. Non mi riferisco alla frigidità completa, che, come è noto, implica una totale anestesia sessuale, assenza di interesse sessuale, vaginismo, con o senza dispareunia (le donne che hanno questi disturbi di solito sopportano il rapporto sessuale solo se costrette dal partner), bensì alla cosiddetta frigidità relativa. In questo caso abbiamo ipoestesia vaginale, con sensibilità erogena limitata alla zona clitoridea, improvvisa e brusca interruzione dell’eccitamento subito prima dell’orgasmo, anche se il rapporto sessuale non appare spiacevole. Le donne che presentano questo tipo di frigidità anorgasmica sembrano insaziabili nelle loro esigenze sessuali e, se superano le loro inibizioni superegoiche, possono passare da un partner all’altro con la speranza (ahimé vana!) che una nuova esperienza possa portare l’agognato orgasmo. In casi rari l’orgasmo vaginale viene raggiunto esclusivamente in relazione a determinate fantasie, che assumono gli aspetti della coazione, di stupro, di percosse o di violenza.

In “La disposizione alla nevrosi ossessiva” (1913) Freud parla della pulsione di impossessamento a proposito della duplice relazione attività-passività.
Egli afferma che mentre la passività è spesso sostenuta dall’erotismo anale, “…l’attività è dovuta alla pulsione d’impossessamento in senso lato, pulsione che specifichiamo col nome di sadismo quando la troviamo al servizio della pulsione sessuale”.
Freud nei “tre saggi sulla teoria della sessualità” indica la muscolatura come supporto della pulsione d’impossessamento ed in effetti ho personalmente riscontrato, in molte donne che presentavano frigidità relativa, una netta inclinazione all’attività ginnico-sportiva, che viene erotizzata e finalizzata alla scarica, seppur parziale, dell’accumulo sessuo-aggressivo.
La pulsione d’impossessamento del bambino originariamente non ha come scopo la sofferenza altrui (come avviene, invece, nel sadismo); semplicemente non ne tiene conto (ci troviamo in una fase antecedente sia alla pietà che al necessario, preliminare, senso di colpa, che al sadismo). Il bambino trae semplicemente piacere dalla percezione del dominio sull’oggetto (godimento della salvaguardia narcisistica) e da fantasie di annientamento (riduzione a cosa inanimata) dello stesso.
Ipotizzo che una fissazione importante a queste modalità di soddisfazione pulsionale possa determinare un’impossibilità di rilassamento passivo, dovuta al mantenimento dell’attività e all’attenzione al dominio, conditio sine qua non per il raggiungimento dell’orgasmo.
Do per acquisite le altre importanti nozioni connesse alla genesi della frigidità (connotato incestuoso dell’atto, pulsioni omosessuali latenti, impasto pulsionale sessuo-aggressivo).

Vorrei, in questa sede, riferirmi a quella che posso definire “la sindrome di Circe”, così frequente in un certo tipo psicologico di donna contemporanea.
Circe, figlia di Elio e di Perse l’oceanide, maga dotata di poteri straordinari, godeva nell’attrarre con le sue grazie gli umani che poi trasformava in animali soggiogati ai suoi voleri.
Ho seguito in analisi diverse donne che posso riferire a questo tipo psicologico e tutte lamentavano una sostanziale impossibilità orgasmica.
Godevano prevalentemente della stimolazione clitoridea, spesso in posizione dominante sul maschio, conseguita per sfregamento, senza però raggiungere la scarica orgasmica. Donne avvenenti, suadenti come sirene, scattanti e muscolose, come va di moda ai giorni nostri.
In ognuna di loro l’analisi ha portato alla luce una incessante attività fantasmatica di dominazione dell’uomo. La fantasia centrale consisteva nell’ottenebrare, con la propria bellezza e le proprie arti amatorie, la volontà del partner, allo scopo, come più volte affermato, “Di farlo impazzire di desiderio fino a fargli perdere il senno”, per ridurlo ad un animale nelle proprie mani.
Donne in perenne attività, senza possibilità di sperimentare la passività necessaria al rilassamento, prerequisito per abbandonarsi al tuffo ignoto del piacere, dove ogni controllo si annulla.

Written by: Quirino Zangrilli © Copyright

Go to the English version!Voyez la version française!

Note:

1  Laplanche-Pontalis, Enciclopedia della psicoanalisi, Laterza,1968.


-- Condividi "Psicoanalisi e Scienza" sui tuoi social --


Tags: , , ,


Notizie sull'Autore

Zangrilli Quirino

Il Dott. Quirino Zangrilli nasce a Fiuggi nel 1955. Laureato con Lode in Medicina e Chirurgia nel 1980, pratica la Psicoanalisi, con modalità intensiva, dal 1982. E' autore di 61 tra libri e pubblicazioni scientifiche.
Ha partecipato in qualità di relatore o di presidente di sessione a numerosi Convegni scientifici nazionali ed internazionali.
Il suo libro "La vita: involucro vuoto", pubblicato da Borla nel 1993, è in adozione dal 1994 presso la Cattedra di Psicologia Dinamica dell'Università di Torino.
Nel 1994 gli viene assegnato il "Premio Nazionale Ciociaria per la Medicina".
E' l'ideatore e fondatore della rivista multimediale "Psicoanalisi e Scienza", la più seguita rivista di psicoanalisi on line al mondo in lingua italiana (Fonte: Entireweb, Alexa, Google, Virgilio, Arianna., etc.).
Nell'anno 2001 completa la sua formazione in Omeopatia.
E' membro della Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata.
Nel 2012 partecipa come Relatore alla Rassegna Scientifica di BergamoScienza.
Nel 2013 espone i suoi studi sull'nterazione materno-fetale nella Sessione Speciale dell' XI Congresso Mondiale di Medicina Perinatale a Mosca con la relazione "Intrauterine Imprinting"


EnglishDoctor Quirino Zangrilli was born in Fiuggi in 1955. Graduated with honours in Medicine and Surgery in 1980, he practices Psychoanalysis, with intensive method, since 1982.
He is author of 61 scientific pubblications.
He has attended as speaker or president of session to many national and international scientific Conventions.
His book "La vita:involucro vuoto" (Life: empty involucre), published by Borla in 1993, has been in use by the Chair of Dynamic Psychology at Turin's University since 1994.
He is the author and founder of the multimedia review "Psicoanalisi e Scienza" (Psychoanalysis and Science), the most read Italian on line review of psychoanalysis.
He is member of the "Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata" (Italian Society of Homeopathy and Integrated Medicine).
In 2012 he participated as a Speaker at the Scientific Festival of BergamoScienza.
In 2013 he illustrated his research on the maternal-fetal interaction in the Special Session of the XI World Congress of Perinatal Medicine in Moscow with his relation "Intrauterine Imprinting"


FrançaisLe Docteur Quirino Zangrilli naît à Fiuggi en 1955. Lauréat avec les félicitations du Jury en Médecine et chirurgie en 1980, il exerce la Psychanalyse d'une façon intensive à partir de 1982.
Il est auteur de 61 publications scientifiques. Il a participé en qualité de Rapporteur ou de président de sessions à de nombreux Congrès scientifiques, nationaux et internationaux.
on livre « La vie : enveloppe vide » publié par la Maison d'Edition Borla en 1993 a été « adopté » en 1994 par la Chaire de Psychologie dynamique de l'Université de Turin.
En 1994 il reçut le « Prix National Ciociaria pour la Médecine ».
Il est le créateur et fondateur de la revue multimedia «Psychanalyse et Science » la plus populaire parmi les revues de psychanalyse « on line » au monde en langue italienne (Source : Alexa, Google, Virgilio, Arianna., etc.).
Au cours de l'année 2001, il a complété sa formation en Homéopathie. Il est membre de la Société Italienne d'Homéopathie et de Médecine intégrée.


Il Sito web dell'Autore

Il Curriculum esteso dell'Autore

direttore@psicoanalisi.it





Torna sú ↑
  • Articoli tradotti

    Go to the English versionVoyez la version françaiseПерейти к русской версииGerman
  • Iscriviti alla Newsletter

    * = campo richiesto!

    powered by MailChimp!
  • Scrivi al direttore

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio


    Ho letto l'informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

  • Psicoanalisi e Scienza: Fan Page

  • Aforismi di Freud: Fan Page

  • Google Plus

  • Bergamo Scienza | 18-10-2012

  • Articoli Recenti