Callieri Bruno

Bruno Callieri (Roma 1923-2012). Laureatosi in medicina nel 1948, libero docente in Psichiatria nel 1954 e in Clinica delle malattie nervose e mentali nel 1956, è stato per sei anni direttore dell'Ospedale psichiatrico S. Maria Immacolata di Guidonia. Dagli anni Sessanta, il confronto con le grandi figure della psichiatria del Novecento ha orientato in modo decisivo la sua ricerca in direzione psicopatologica e antropologica, verso una riflessione al confine tra tematiche cliniche ed esistenzialistiche. Con Cargnello, Basaglia e Borgna ha introdotto in Italia le idee della psicopatologia fenomenologica, proponendosi come figura emblematica di medico-filosofo, al crocevia tra formazione naturalistica e vocazione umanistica. Nell'ambito della psichiatria Contemporanea ha contribuito a convalidare una delle linee di fondo del discorso jaspersiano, cioè la fondazione della psicopatologia generale come scienza autonoma, propedeutica essenziale alla clinica, alla nosografia e alla terapia. Attualmente egli tende a sottolineare l'importanza della dimensione interpersonale nella prassi della psichiatria clinica.

×

Bruno Callieri (Roma 1923-2012). Laureatosi in medicina nel 1948, libero docente in Psichiatria nel 1954 e in Clinica delle malattie nervose e mentali nel 1956, è stato per sei anni direttore dell'Ospedale psichiatrico S. Maria Immacolata di Guidonia. Dagli anni Sessanta, il confronto con le grandi figure della psichiatria del Novecento ha orientato in modo decisivo la sua ricerca in direzione psicopatologica e antropologica, verso una riflessione al confine tra tematiche cliniche ed esistenzialistiche. Con Cargnello, Basaglia e Borgna ha introdotto in Italia le idee della psicopatologia fenomenologica, proponendosi come figura emblematica di medico-filosofo, al crocevia tra formazione naturalistica e vocazione umanistica. Nell'ambito della psichiatria Contemporanea ha contribuito a convalidare una delle linee di fondo del discorso jaspersiano, cioè la fondazione della psicopatologia generale come scienza autonoma, propedeutica essenziale alla clinica, alla nosografia e alla terapia. Attualmente egli tende a sottolineare l'importanza della dimensione interpersonale nella prassi della psichiatria clinica.

Latest Posts
  • Rubrica Psichiatria

Bruno Callieri (Roma 1923-2012). Laureatosi in medicina nel 1948, libero docente in Psichiatria nel 1954 e in Clinica delle malattie nervose e mentali nel 1956, è stato per sei anni direttore dell'Ospedale psichiatrico S. Maria Immacolata di Guidonia. Dagli anni Sessanta, il confronto con le grandi figure della psichiatria del Novecento ha orientato in modo decisivo la sua ricerca in direzione psicopatologica e antropologica, verso una riflessione al confine tra tematiche cliniche ed esistenzialistiche. Con Cargnello, Basaglia e Borgna ha introdotto in Italia le idee della psicopatologia fenomenologica, proponendosi come figura emblematica di medico-filosofo, al crocevia tra formazione naturalistica e vocazione umanistica. Nell'ambito della psichiatria Contemporanea ha contribuito a convalidare una delle linee di fondo del discorso jaspersiano, cioè la fondazione della psicopatologia generale come scienza autonoma, propedeutica essenziale alla clinica, alla nosografia e alla terapia. Attualmente egli tende a sottolineare l'importanza della dimensione interpersonale nella prassi della psichiatria clinica.

×

Bruno Callieri (Roma 1923-2012). Laureatosi in medicina nel 1948, libero docente in Psichiatria nel 1954 e in Clinica delle malattie nervose e mentali nel 1956, è stato per sei anni direttore dell'Ospedale psichiatrico S. Maria Immacolata di Guidonia. Dagli anni Sessanta, il confronto con le grandi figure della psichiatria del Novecento ha orientato in modo decisivo la sua ricerca in direzione psicopatologica e antropologica, verso una riflessione al confine tra tematiche cliniche ed esistenzialistiche. Con Cargnello, Basaglia e Borgna ha introdotto in Italia le idee della psicopatologia fenomenologica, proponendosi come figura emblematica di medico-filosofo, al crocevia tra formazione naturalistica e vocazione umanistica. Nell'ambito della psichiatria Contemporanea ha contribuito a convalidare una delle linee di fondo del discorso jaspersiano, cioè la fondazione della psicopatologia generale come scienza autonoma, propedeutica essenziale alla clinica, alla nosografia e alla terapia. Attualmente egli tende a sottolineare l'importanza della dimensione interpersonale nella prassi della psichiatria clinica.

Latest Posts
  • Rubrica Psichiatria